Hot Best Seller

Vivere contro l'evidenza. Intervista con Christian Bussy

Availability: Ready to download

Vedere le cose così come sono, nella loro intrinseca vacuità , rende la vita quasi intollerabile, osserva Cioran. Eppure, Ú proprio quando l'evidenza sembra cospirare contro la vita che la vita, sfuggendo alla mera necessità biologica, assurge a fenomeno straordinario, esercitando tut to il suo irresistibile fascino. Il semplice respirare diventa allora un atto eroico, e Vedere le cose così come sono, nella loro intrinseca vacuità , rende la vita quasi intollerabile, osserva Cioran. Eppure, Ú proprio quando l'evidenza sembra cospirare contro la vita che la vita, sfuggendo alla mera necessità biologica, assurge a fenomeno straordinario, esercitando tut to il suo irresistibile fascino. Il semplice respirare diventa allora un atto eroico, ed ogni istante si trasforma in un miracolo. Nel 1973, infrangendo la sua naturale ritrosia, Cioran si concede per la prima volta alle telecamere. E così, rievocando la vita incerta da eterno studente nel Quartiere Latino, Cioran par la della scrittura come frutto della "miseria interiore", del sentimento del l'Ir reparabile in Pascal e Baudelaire, degli eroi nichilistici di Dostoevskij, della passione intramontabile per Bach, dell'importanza dell'amicizia, del problema del male, del suicidio come idea salutare, sug gerendo, infine, come si pos sa sopportare la vita nonostante l'evidenza che sarebbe stato meglio non essere nati.


Compare

Vedere le cose così come sono, nella loro intrinseca vacuità , rende la vita quasi intollerabile, osserva Cioran. Eppure, Ú proprio quando l'evidenza sembra cospirare contro la vita che la vita, sfuggendo alla mera necessità biologica, assurge a fenomeno straordinario, esercitando tut to il suo irresistibile fascino. Il semplice respirare diventa allora un atto eroico, e Vedere le cose così come sono, nella loro intrinseca vacuità , rende la vita quasi intollerabile, osserva Cioran. Eppure, Ú proprio quando l'evidenza sembra cospirare contro la vita che la vita, sfuggendo alla mera necessità biologica, assurge a fenomeno straordinario, esercitando tut to il suo irresistibile fascino. Il semplice respirare diventa allora un atto eroico, ed ogni istante si trasforma in un miracolo. Nel 1973, infrangendo la sua naturale ritrosia, Cioran si concede per la prima volta alle telecamere. E così, rievocando la vita incerta da eterno studente nel Quartiere Latino, Cioran par la della scrittura come frutto della "miseria interiore", del sentimento del l'Ir reparabile in Pascal e Baudelaire, degli eroi nichilistici di Dostoevskij, della passione intramontabile per Bach, dell'importanza dell'amicizia, del problema del male, del suicidio come idea salutare, sug gerendo, infine, come si pos sa sopportare la vita nonostante l'evidenza che sarebbe stato meglio non essere nati.

11 review for Vivere contro l'evidenza. Intervista con Christian Bussy

  1. 5 out of 5

    alltid_aldrig

    «EMC: [...] Direi che, in fondo, l'atto di scrivere è per me una sorta di dialogo. CB: Con lei stesso? EMC: Non con me stesso, con Dio. Io non sono un credente. Non lo sono, ma neppure posso dire di essere miscredente. Per me l'incontro con Dio, forse, è nell'atto di scrivere. È come una solitudine che ne incontra un'altra. Una solitudine di fronte ad un'altra solitudine. Essendo Dio più solo di se stesso...» «EMC: [...] Direi che, in fondo, l'atto di scrivere è per me una sorta di dialogo. CB: Con lei stesso? EMC: Non con me stesso, con Dio. Io non sono un credente. Non lo sono, ma neppure posso dire di essere miscredente. Per me l'incontro con Dio, forse, è nell'atto di scrivere. È come una solitudine che ne incontra un'altra. Una solitudine di fronte ad un'altra solitudine. Essendo Dio più solo di se stesso...»

  2. 4 out of 5

    Simone Subliminalpop

    http://www.subliminalpop.com/?p=9022 + http://youtu.be/LhR536ao_cg http://www.subliminalpop.com/?p=9022 + http://youtu.be/LhR536ao_cg

  3. 4 out of 5

    Maurizio Manco

    “Vivere è distruggersi, non per una mancanza, ma per una sorta di pienezza pericolosa.” (p. 31) “Ritengo che si scriva per far del male, nel senso «superiore» del termine, per turbare, perché anch’io, tutto quanto ho letto nella mia vita, l’ho letto per sconvolgermi. Uno scrittore che, in un modo o in un altro, non martirizza, non m’interessa. Deve farci soffrire, altrimenti non vedo la necessità di leggerlo.” (p. 33) “Il fatto di vivere è una cosa talmente straordinaria, soprattutto quando si v “Vivere è distruggersi, non per una mancanza, ma per una sorta di pienezza pericolosa.” (p. 31) “Ritengo che si scriva per far del male, nel senso «superiore» del termine, per turbare, perché anch’io, tutto quanto ho letto nella mia vita, l’ho letto per sconvolgermi. Uno scrittore che, in un modo o in un altro, non martirizza, non m’interessa. Deve farci soffrire, altrimenti non vedo la necessità di leggerlo.” (p. 33) “Il fatto di vivere è una cosa talmente straordinaria, soprattutto quando si vedono le cose come sono, che questa vita, totalmente disprezzata, diciamo a livello teorico, appare straordinaria sul piano pratico. Vivere contro l’evidenza, in ogni momento, diventa una sorta d’eroismo.” (p. 35)

  4. 5 out of 5

    Swannn

  5. 5 out of 5

    Kimberly Perez

  6. 4 out of 5

    Ximena

  7. 4 out of 5

    Alesakara

  8. 5 out of 5

    Dela Iovan

  9. 5 out of 5

    Larisa I.

  10. 4 out of 5

    Leonardo Loffeda

  11. 5 out of 5

    lssnssl

Add a review

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading...